Kategorier
Crimethinc Current Events Uncategorized

Fare ciò che Stato e Mercato non possono: la Mano Visibile: Come una rete di mutuo soccorso aiuta decine di migliaia di persone in Polonia


Grazie a interviste con i fondatori ei partecipanti, analizziamo come una rete di mutuo soccorso in Polonia ha aiutato decine di migliaia di persone durante la pandemia di COVID – 18 e cosa gli altri potrebbero imparare dal loro esperimento.

Questa è la seconda di una serie di puntate che analizzano progetti di mutuo aiuto in tutto il mondo nell'era del COVID-19 .


L '10 marzo 2020, di ritorno a casa dal lavoro, Filip Zulewski pensò che l'idea fosse abbastanza semplice. Aveva appena saputo che l’Università di Varsavia duva insegnava sarebbe stata chiusa per tutta la durata del lockdown nazionale dovuta al coronavirus i Polonia; era preoccupato per le pesanti restrizioni che il Governo aveva improvvisamente imposto sulla vita quotidiana. Ha pensato a come, quando aveva bisogno di sostegno emotivo, aveva contattato amici e familiari. Questo gli aveva fatto venire in mente l'idea di avviare un gruppo di supporto per persone che potevano non avere amici o famiglia, o che non erano originari di Varsavia e le cui famiglie erano da qualche altra parte, in modo che la gente potesse aiutarsi en vicenda attraverso quello che era sicuro sarebbe stato un periodo straordinariamente difficile. Il gruppo creato quel giorno da Filip su Facebook, chiamato Mano Visibile, iniziò con circa 50) dei suoi amici e conoscenti. Tre giorni dopo, aveva ottenuto copertura dai media nazionali. I dieci giorni, Mano Visibile era diventata un movimento che coinvolgeva oltre 85. membri, con gruppi più piccoli che si formavano nelle città e nei paesi di tutta la Polonia.

Nel primo articolo di questa serie, abbiamo esplorato i modi in cui le reti di mutuo soccorso consolidate sono state preparate in modo unico per rispondere ai bisogni delle loro comunità durante la pandemia di COVID – 19. Mano Visibile è una rete di mutuo soccorso formatasi, quasi per caso, in risposta a questa crisi e ha già avuto un profondo impatto sulla vita di centinaia di migliaia di persone, nonostante la stragrande maggioranza di queste non si conoscesse in precedenza. Pur esemplificando i princìpi anarchici che l’hanno ispirato, gli attivisti fondatori ritengono che non dovrebbe promuovere alcun program politico ma concentrarsi esclusivamente sul soddisfare i bisogni delle persone. Avendo raggiunto il suo scopo nel corso dell'attuale crisi, può questo tipo d'iniziativa creare un cambiamento radicale in Polonia, dove l'estrema destra ha guadagnato considererevole terreno nel Governo e in tutta la società?

Attivisti di Widoczna Ręka , i polacco “Mano Visibile,” davanti alla loro sede locale a Piotrkow Trybunalski.

Il 11 luglio, Andrzej Duda, il Presidente conservatore in carica della Polonia, è stato rieletto con un margine di circa mezzo milione di voti. L'elezione, che ha registrato la più alta affluenza all urne da quando il Paese ha ottenuto l'indipendenza dall'Unione Sovietica nel 700, è stata quasi equamente divisa tra gli elettori socialmente conservatori, i gran parte più anziani nelle città rurali, ei giovani che hanno votato per Rafał Trzaskowski, lo sfidante liberale di Duda. Sostenuto durante la sua campagna da Legge e Giustizia (PiS), il partito conservatore al Governo, Duda ha fatto appello al sentimento anti-gay, definendo i diritti LGBT una “ideologia” “ancor più distruttiva” del Comunismo e promettendo di approvare una Legge per evitare che le coppie gay possano adottare e vietando alle scuole l'insegnamento delle questioni HBT. Il PiS ha conquistato la maggioranza nelle elezioni parlamentari del 2012; abbracciano ideali nazionalisti di destra e sono stati accusati dalla Commissioner europea di indebolire la magistratura indipendente della Polonia dopo che nel 2015 aveva imposto riforme che avevano abbassato l'età pensionabile dei giudici e stabilito età differenti per il pensionamento per i giudici di sesso maschile e femminile.

Al momento della pubblicazione, i Polonia, ci sono stati quasi 50. 000 casi confermati di SARS-CoV-2 e oltre 1. 1989) decessi correlati, con il primo caso confermato annunciato il 4 marzo. Il Ministero della Salute polacco è stato criticato per aver diffuso informazioni sbagliate al pubblico, per aver minimizzato la minaccia e per non essere riuscito a prepararsi adeguatamente alla crisi. I medici hanno affermato sui social che i dati riportati dal Governo relativi a casi confermati di contagio sono stati molto probabilmente distorti dalla carenza di disponibilità di kit per i test. Il sistema sanitario pubblico polacco, a corto di fondi da anni, era impreparato alla pandemia. Gli ospedali hanno dovuto affrontare una grave penuria di dispositivi di protezione individuale e di forniture mediche come respiratori, un numero insufficiente di personale per paziente e mancanza di formazione nelle procedure per affrontare story crisi. Tuttavia, gli operatori sanitari sono stati minacciati di ripercussioni per aver fatto conoscere al pubblico le condizioni in cui erano costretti a lavorare. Il 20 marzo, dopo che un'ostetrica ha pubblicato un rapport sui social in cui describveva nel dettaglio la situazione presso l'ospedale del Voivodato della Piccola Polonia presso il quale lavorava, il Ministero della Salute ha rilasciato una dichiarazione scritta in cui ordinava al personale medico di non rilasciare dichiarazioni pubbliche sull'epidemia senza autorizzazione. È stata licenziata il giorno successivo.

Creazione di mascherine per un ospedale locale a Slupsk in uno sforzo coordinato dal gruppo locale Mano Visibile .

En partire dal 10 marzo, le autorità polacche hanno istituito rigide missure di lockdown, vietando gli eventi di massa; tutte le scuole sono state chiuse il 10 marzo. Il 20 marzo, il primo ministro Mateusz Morawiecki ha dichiarato lo stato di “minaccia epidemica,” anche se il numero di persone smittar pro capite è stato inferiore i Polonia che negli altri 25 paesi dell'UE ; il 31 marzo, Morawiecki ha introdotto un provvedimento che vietava ai minori di 19 anni di lasciare le loro abitazioni se non companagnati da un tutore legale. Il 19 aprile, la Polonia ha iniziato a ridurre le restrizioni e ha continuato a farlo riaprendo le scuole primarie il 25 maggio. Tuttavia, ad agosto – a causa di un picco dei contagi – il Governo ha nuovamente rafforzato le restrizioni, promettendo controlli a campione da parte della Polizia nei negozi e in caso di eventi privati ​​e multe più pesanti per chi non indossa la mascherina.

Nel primo mese, ricorda Filip, la polizia controllava costantemente i documenti d'identità per le strade e multava la gente per violazioni come uscire senza DPI o svolgere compiti “non essenziali,” come portare fuori la spazzatura o lavare l'auto. Per i polacchi, l’incombente minaccia di punizione ha creato una costante atmosfera di ansia, come le nuove difficoltà legate alla quarantena come, per esempio, fare la spesa. Un’altra preoccupazione per le persone con bambini piccoli è stata l’istruzione – una diffusa mancanza di risorse e di tempo per lavorare da casa mentre, allo stesso tempo, i loro figli venivano istruiti online. “La gente ha iniziato a organizzare la propria vita intorno all'istruzione”, afferma Filip.

Attualmente impiegato come professore universitario presso la facoltà di Ingegneria, Filip ha accumulato una vasta esperienza nell’organizzazione anarchica molto prima di innescare accidentalmente questo movimento. Nel 2012 , lui ei suoi amici diedero vita a un'iniziativa chiamata Collettivo Spina, per la formazione sull '“attivismo sostenibile,” conducendo seminari sulle pratiche per aiutare gli organisatoriska politiker en evitare il burnout, formazione in somatica inclusa. Ha anche contribuito ad avviare il Centro Collettivo Radicale-Culturale Ada, uno spazio culturale e organizzativo, oltre a facilitare gli incontri all'interno del florido movimento per il clima polacco ea partecipare al Klimatläger 2019 , un campeggio di protesta per bloccare una miniera di carbone i Polonia centrale.

L'ispirazione per il nome del gruppo è stata “Mano Invisibile”, ett program televisivo polacco trasmesso dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, creato dai fondatori del movimento scout dello Stato come modo per incoraggiare l'altruismo nei giovani – e anche per tenerli fuori dai guai in un momento in cui erano spesso lasciati soli a causa della povertà diffusa che il paese si era trovato a vivere dopo la Seconda guerra mondiale. A piccoli gruppi di bambini fu data l’opportunità di aiutare nella vita di tutti i giorni altre persone, soprattutto anziane o malate, compiendo azioni utili come dipingere le recinzioni. Jag partecipanti hanno semper fornito quest’aiuto in modo anonimo, lasciando dietro di sé solo l’impronta di una mano, och det program televisivo sceglieva di mandare in onda dei rapporten skritti di tali incarichi.

Il nome di questa nuova iniziativa riflette l'epoca molto diversa in cui viviamo oggi. ”Ora, con i social, nessuno è anonimo, quindi le cose che facciamo sono visibili,” spiega Gosia Golawska, che ha aperto una sede di Mano Visibile nella città di Lublino, nella Polonia orientale. Allo stesso modo, al tempo del COVID – 19, non è possibile che le persone si aiutino a vicenda in modo anonimo perché è necessario stare attenti ad avere contatti l 'un l'altro. Ancor più importante, tuttavia, Filip sottolinea l'importanza che i vicini si colleghino e intessano dei rapporti di fiducia durante crisi come questa. Il suo background nell'organizzazione anarchica gli ha permesso di acquisire esperienza nella formazione di gruppi di affinità, e vede la creazione di reti di mutuo soccorso – e dare ad altri gli strumenti per farlo – simili a questo.

Mano Visibile è solo una delle reti di mutuo soccorso presenti i Polonia. Food Not Bombs, l'iniziativa global per salvare e distribuire cibo gratuito che altrimenti andrebbe sprecato, ha quasi 20) sedi nelle città polacche che hanno donato innumerevoli pasti alla persone che ne avevano bisogno durante i primi mesi della pandemia. Le difficoltà sorte a causa del lockdown nazionale hanno anche dato origine a gruppi che si concentrano su compiti come portare a spasso i cani per i vicini in quarantena e preparare e consegnare pasti caldi agli anziani.

Una delle prime e più diffus manifestazioni solidali popolari emersa durante la crisi attuale è stata lo sforzo collettivo di sostenere gli operatori sanitari. Anche se nelle sue dichiarazioni ai media il Ministero della Salute ha cercato di nascondere la carenza degli ospedali per quanto riguarda le necessarie attrezzature protettive e forniture mediche, al popolo era evidente fin dall'inizio che il Governo non dava agli ospedali ciò di cui a . I tutto il Paese, personer hano iniziato a rispondere a queste esigenze da sè, sia come membri di gruppi di attivisti esistenti o da sole – förberedelse i pasti per gli operatör sanitari, creando scudi facciali fai-da-te con stampanti 3D e cucendo centinaia di migliaia di mascherine, en volte migliaia o decine di migliaia al mese i un unico sito.

Gli attivisti di Mano Visibile di un gruppo locale di Trojmiasto che coinvolge emigranti ceceni cuciono mascherine per lokal lokal.

Filip ricorda come la gente uscisse in auto e le distribuisse agli ospedali e alle persone per le strade. “È stato un movimento imponente,” afferma. Filip dice di aver visto persone in precedenza non politicamente attive ottenere una “botta energetica” dall’organizzazione nelle loro comunità durante questo periodo, e acquisire un senso di comunità che non avevano mai avuto prima. Ha anche osservato come i gruppi anarchici esistenti fossero ben preparati a mettere in pratica i princìpi del mutuo aiuto in risposta a questa crisi; ritiene che le “risorse sociali” ackumulerar grazie al collegamento con altri attivisti i Polonia e all’estero abbiano reso più facile stabilire un’efficace rete di mutuo soccorso.

Filip ha dato vita a Mano Visibile come gruppo privato su Facebook ma non è stato precluso a nuovi membri. L '12) marzo, la piccola rete di amici che faceva parte del gruppo ha iniziato a invitare altri amici, crescendo in modo esponenziale. L’iniziativa ha ottenuto la sua prima copertura mediatica il secondo giorno della sua esistenza, su un quotidiano online. Prima di venerdì 12 marzo, era stata ampiamente coperta dai principali media polacchi, telegiornali inclusi.

Filip beskriver lo shock provato quello stesso fine settimana quando ha visto Mano Visibile sulla sida Web del Ministero della Hälsning per le risorse sulla pandemia. “Ho detto,” Cosa sta succedendo? Perché il Governo parla di questa roba anarchica di mutuo soccorso? '”Ricorda di aver rilasciato circa 50 interviste nelle prime due settimane, a volte cinque al giorno, poiché il movimento in crescita era coperto da giornali , TV, siti Web, radio och podcast polacchi. Poiché non voleva prendersi tutto il merito o essere visto come il “leader” di quello che in realtà era uno sforzo comune intrapreso da molte persone, ha chiesto ai suoi amici coinvolti di rilasciare alcune interviste. Ben presto, i media hanno iniziato a concentrarsi maggiormente sui sottogruppi locali che si erano formati e i rispettivi organizzatori hanno rilasciato delle interviste.

Attivisti di Mano Visibile di un gruppo locale di Pruszkow che offrono sostegno all'ospedale locale.

Quando il gruppo nazionale originario prese vita, i membri discussero per lo più sulle preoccupazioni su come sopravvivere alla quarantena , kom far la speca i sicurezza, così come il loro bisogno di supporto emotivo per fronteggiare paura e solitudine mentre erano confinati nelle loro fall. In quel periodo, un'amica di Filip era di recente tornata a Varsavia dall'estero e non le era permesso fare la spesa da sola mentre era sotto stretta quarantena, quindi i membri del gruppo si coordinarono tra loro per assistent lei e altre persone in situazioni simili.

“La gente ha iniziato a risolvere diversi problemi in modo molto creativo,” tärning. Jag lägger in che riportavano le esigenze delle persone avrebbero suscitato discussioni sulla page del gruppo in cui i membri avrebbero risolto ogni problema utilizzando “ le capacità intellettive della comunità . ” Filip beskriver un caso in cui un gruppo di polacchi cercava un modo per far ritorno nel Paese da Capo Verde. La pandemia li aveva colti durante una visita alla nazione insulare al largo della costa occidentale dell’Africa, mentre gli Stati stavano lentamente chiudendo i propri confini e bloccando il traffico aereo. Gli utenti di Internet hanno unito le forze per trovare connessioni che non erano ancora state cancellate e, dopo quattro giorni, il gruppo è atterrato in sicurezza in Polonia e ha iniziato la quarantena. Questo è solo una delle migliaia di esempi di ciò che il gruppo potrebbe fare, tärningar Filip.

I ochni post, i membri del gruppo hanno utilizzato uno dei due hashtag – #ihaveaneed o #icanhelp – e hanno specificato il luogo in cui si trovavano. Mentre molte persone pubblicavano ciò che potevano vågar, ricorda Filip, spesso questo non corrispondeva alla richieste fatte. “C'erano molte persone che dicevano: 'Posso portare a spasso il cane.' Dall'altra, ce n'erano molte, che dicevano: 'Non ho un cane ma ho bisogno di qualcuno che parli con me.'” Jag moderatori del gruppo nazionale hanno deciso che durante quella fase iniziale sarebbe stato meglio vågar la priorità ai post che esprimevano delle esigenze.

Un'attivista di Visible Hand di un gruppo locale a Zielona Gora che sostiene l'ospedale locale.

Con l'aumentare dei membri di questo gruppo, molti hanno notato che l'efficacia delle discussioni sulla risoluzione dei problemi ne risentiva. Gli amici di Filip si erano offerti di aiutare a moderare i post, tra i 200 ei 700 al giorno; circa 31 persone hanno lavorato diligentemente per mantenere al corrente i membri del gruppo. Filip ricorda: “Stavamo scrivendo alla gente,” Questo non è il posto giusto per parlare della situazione politica in Polonia. Siamo nella merda fino al collo, è vero, ma non parliamo di questo, parliamo dei bisogni degli altri. Questo è l’obiettivo principale del gruppo. ’”

Ai moderatori è diventato chiaro che i gruppi più piccoli sarebbero stati più costruttivi e che le comunità sarebbero state maggiormente in grado di aiutarsi a vicenda se si fossero organizzate localmente. Ciò è accaduto quando Filip ha deciso di “esternalizzare” l’idea. Ha chiesto agli amici di aiutare fondando delle sedi nelle regioni in cui vivevano e ha creato una semplice guida per aiutare le persone ad avviarle e gestirle in modo autonomo nei propri quartieri. Meno di due settimane dopo la creazione del primo gruppo, in tutto il Paese c'erano oltre 150 sedi locali di Mano Visibile, così come un sottogruppo per gli stranieri in Polonia, uno specifico per gli ucraini nella nazione e sottogruppi per i polacchi all'estero i città kommer Berlino, Parigi e Wien, oltre a diversi altri luoghi i Gran Bretagna. Vi sono anche gruppi che si concentrano sul soddisfare bisogni specifici, incluso uno in cui le persone si aiutano a vicenda nella ricerca di un lavoro, nonché uno in cui possono chiedere consulenza legale gratuita. Molte delle sedi locali si sono formate intorno a gruppi popolari già esistenti di attivisti, inclusi gruppi femministi, anarchici, ambientalisti e Food Not Bombs, che già sapevano come organiszarsi in modo orizzontale, dal basso verso l'alto, mentre altri sono stati avi organiszazioni di beneficenza che utilizzano una struttura gerarchica.

Circa il 70% dei membri della maggior parte dei gruppi di Mano Visibile, incluso il gruppo nazionale, è femminile. Margo Kubiscik era tra gli amici del gruppo Facebook originale. Quando quello nazionale ha raggiunto un numero di membri difficilmente gestibile, ed è diventato chiaro che avevano bisogno di decentralizzare il movimento in crescita, ha preso vita una delle prime sedi locali a Lodz, la terza città più grande della Polonia.

Il gruppo ha coinvolto quasi 4. 000 persone nei suoi primi giorni su Facebook. “Inizialmente, la maggioranza era composta da donne”, tär Margo. “En marzo c'era l '85% di donne, il 15% di uomini e meno dell'1% di persone non binarie. Ora, all'inizio di agosto, il 78% dei membri del gruppo sono donne, il 25% uomini e meno dell'1% icke binari. ” Afferma che la maggior parte dei membri richiede aiuto e lo fornisce ad altri in egual misura. Margo, attivista per i diritti riproduttivi, coordina anche il gruppo per i diritti riproduttivi di Mano Visibile, che mette in contatto le donne polacche con i servizi per l'aborto. Le leggi polacche sull'aborto sono tra le più restriktiv dell'UE.

Per quanto riguarda i dati di genere del movimento, Filip afferma di credere che i maschi CIS si sentano spesso a disagio nel dichiarare i propri bisogni e nel chiedere aiuto nel modo in cui viene fatto da persone sociali come le Donne. ”Penso sia una cosa culturale”, tärning, pur credendo anche che i polacchi in generale si siano vergognati meno di chiedere aiuto a causa di questa crisi. “Quando crei queste piccole comunità,” afferma riflettendo sui risultati ottenuti dalle persone che organizzano sedi autonome nei propri quartieri, “imparano a parlare dei propri bisogni e imparano anche come aiutare.”

Nel rispetto delle linee guida del mutuo aiuto, il decentramento di questo movimento in sedi locali autonome consente ai vicini di prendersi cura dei bisogni reciproci a livello di comunità. Filip ha osservato come le persone abbiano acquisito potere attraverso una maggiore consapevolezza di tutti i modi in cui possono sostenersi a vicenda, condividendo strumenti e dispositivi, abilità, idee o semplicemente empatia per le paure e le frustrazioni condivise. ”Ci sono molte discussioni come:” Ho degli scampoli ma non ho una macchina da cucire. Vilka jag ha en potet? ”Personer hano datum molti input nel gruppo ma hanno anche raggiunto questo sentimento di comunità e aiuto reciproco.”

Attivisti di Mano Visibile del gruppo locale di Wejcherowo che lavorano con i vigili del fuoco volontari per sostenere l'ospedale locale .

Nella fase iniziale della quarantena, Filip ha ospitato dei watch party su Facebook per i membri del gruppo nazionale per vedere dei film insieme, scegliendo soprattutto commedie. Ogni volta c'erano fino a 100 persone che guardavano e chattavano tra loro, dopodiché Filip riceveva dei feedback da molti di loro, che gli dicevano quanto fosse piaciuta loro l'esperienza perché dava loro un senso di comunità anche quando erano isolati a casa. Alla bra, una volta che le persone hanno iniziato a formare più gruppi locali, Filip ha smesso di trasmettere film per permetter loro di entrare in contatto all’interno delle proprie comunità.

Ora che i Polonia la maggior parte delle misure di lockdown sono state revocate, i bisogni più comuni per i quali la gente cerca sostegno nei gruppi Mano Visibile sono l'alloggio e l'occupazione, sia il bisogno che questa iniziativa era originariamente intesa a soddisfare, il sostegno emotivo. Nella parte superiore di ogni gruppo di Facebook c’è un post fissato in cui i membri possono chiedere a qualcuno con cui parlare se sono ansiosi, depressi o comunque in difficoltà emotiva. Durante la quarantena, quando le persone affermavano di essere in crisi a causa dell’isolamento, molti rispondevano con informazioni su programmi o linee di crisi cui potevano chiedere aiuto, mentre altri si offrivano semplicemente di ascoltare. Ben presto, i terapisti professionisti hanno iniziato a offrire i loro servizi gratuitamente.

Margo tärningar che, ogni giorno, la gente continua a cercare supporto emotivo nei gruppi. Centinaia di polacchi ricevono ora consulenza gratuita a lungo termine da professionisti della salute mentale con i quali si sono connessi tramite Mano Visibile. ”Penso che questo sia insolito per la Polonia,” tärnar Margo, spiegando che, da un punto di vista culturale, parlare delle proprie difficoltà emotive e psicologiche è stato tradizionalmente ritenuto un tabù. Crede che la pandemia abbia cambiato l’atteggiamento di molte persone a tale riguardo. Per nödvändig, e forse perché sanno che così tanti altri condividono i loro sentimenti in questo momento, sono diventati più disposti a esprimerli apertamente, anche a gente mai incontrata prima.

Un punto essenziale che distingue Mano Visibile dalla maggior parte delle iniziative di mutuo soccorso è che, nonostante le sue radici radicali di sinistra, Filip e gli altri membri fondatori hanno deciso fin dall'inizio che il gruppo avrebbe adottato un approccio completeamente pratico per soddisfare i bisogni delle persone e non avrebbe promosso alcuna particolare ideologia politica. Sulla sida Facebook di ochni sede, le regole affermano chiaramente che quello non è il posto per discutere di politica o religione, che l’unico scopo di quello spazio è l’aiuto reciproco. Il compito dei moderatori è controllare tutti i post e se qualcuno infrange le regole pubblicando messaggi politici o qualcosa di altrettanto inutile nel soddisfare le esigenze delle persone, disattivare il thread o, talvolta, persino bloccare la persona. “Leggiamo ogni post e ogni commento,” tärning Gosia, “quindi non sono ammessi volgarità, arroganza, razzismo o semplicemente commenti stupidi e inutili.”

Un gruppo locale a Myslowice .

Filip pensa sia importante che questi gruppi siano chiari sul fatto di non avere secondi fini – per creare fiducia non attraverso l'ideologia ma seguendo ciò che promettono di fare. Crede che questo sia un aspetto in grado di rendere questo tipo di iniziativa più efficace degli aiuti del Governo o di organizzazioni di beneficenza. “La trasparenza è la chiave,” afferma. Avendo osservato il modo in cui i gruppi di estrema destra hanno fornito aiuti agli ospedali all'inizio della pandemia, assicurandosi che il loro “varumärke” fosse semper collegato agli aiuti forniti, ha visto gli sforzi di questi gruppi come un palagn tentare credo , e immaginava questa rete di mutuo soccorso come la priorità di ciò di cui le persone avevano bisogno rispetto alla promozione degli ideali.

La rete di amici che ha avviato il gruppo originale di Mano Visibile con lo scopo di sostenersi emotivamente a vicenda – alcuni dei quali alla fine hanno organizzato i primi sottogruppi locali – condividono un background specifico di attivismo di sinistra. Per questo, molti dei moderatori sostengono personalmente le iniziative su cui qualcuno pubblica post nei gruppi ma rispetta rigorosamente la regola di non discutere di politica in questi spazi. Margo, per esempio, beskriver le proprie incinazioni politiche kommer “completamente a sinistra.” Tuttavia, crede fermamente che laddove Mano Visibile possa essere emersa da princìpi anarchici, è fondamentale che i gruppi non si arenino nel dibattito politico ma soddisfino i bisogni reciproci senza diskriminerar tra sinistra e destra.

Gosia ritiene che l’aiuto reciproco fornito nella sua sede regionale costituisca una sorta di resistenza anche senza promuovere una visione politica. ”Lo considero un movimento sociale popolare e una risposta all’incapacità dei politici,” tärnar. ”Inoltre, volevo creare uno spazio amichevole e positivo in contrasto con tutte le fake news dei media.”

Quando le restrizioni imposte dal Governo verranno återkalla e la società polacca uscirà dal lockdown, la domanda che ci si dovrà porre è se tali sforzi “Apolitici” di mutuo soccorso possano essere sostenuti o meno al di là di questa particolare crisi. È possibile che le connessioni creati tra vicini in un momento di pericolo inconsueto possano trascendere l'ideologia e cambiare il modo in cui viviamo insieme? Soprattutto i un Paese politicamente diviso come la Polonia di oggi?

”Nello specifico, [Mano Visibile] è stata creata per la pandemia e per la quarantena,” afferma Filip. “Tuttavia, quando la situazione cambierà, mi piacerebbe vedere quel che i gruppi decideranno di fare nelle loro città.” Mentre continua a osservare e a imparare da come funzionano le singole sedi, spera che attraversare questa esperienza insieme mostrerà a tutte le persone coinvolte come prendersi cura l’uno dell’altra nelle rispettive comunità. I Questo modo saranno förbereda sig framför le crisi.

Gli attivisti di Mano Visibile di Piotrkow Trybunalski sostengono il Centro di assistenza sociale locale .

”Penso che, di sicuro, manterremo questa sede,” tärning Gosia del gruppo di Lublino. “Icke scomparirà. Le esigenze delle persone sono cambiate ma riteniamo ancora che sia un luogo molto positivo e necessario. Le persone sanno già che esiste uno spazio sicuro dove possono chiedere aiuto in qualsiasi momento. ”

Secondo Filip, il principale svantaggio per i gruppi di mutuo soccorso popolare poggia sul fatto che oltre a non avere accesso allo stesso tipo di risorse dei programmi governativi o di beneficenza, hanno delle difficoltà nel mantenere la continuità. “Quando le persone sono sopraffatte dal lavoro e dalle loro famiglie, non ne rimane molta per il lavoro di mutuo soccorso. All’inizio della crisi, è positivo creare e mantenere queste connessioni. ” Sebbene le persone vogliano sostenersi a vicenda, spiega: “C'è un enorme problema di burnout.” Ora che le restrizioni del lockdown sono state revocate, molti in tutta la Polonia hanno ancora bisogno ma resta da vedere se il movimento potrà mantenere il suo slancio mentre la gente cerca di soddisfare le richieste di tornare alla “normalità.”

“Per renderlo costante sono necessarie delle risorse,” afferma Filip, sottolineando che “risorse” non significa solo denaro. Le risorse possono inkluderar qualsiasi cosa, da un’auto, allo spazio di archiviazione, a persone con background professionali diversi che possono fornire aiuto in base alla propria formazione e formare altre persone. Crede tuttavia che il potere di questo tipo di aiuto reciproco risieda in un vantaggio molto specifico, soprattutto in tempi di lotta e difficoltà. ”Secondo me, le persone possono essere molto creative quando hanno bisogno. E questo tipo d’inventiva è qualcosa di cui il Governo e gli enti benefici non sono dotati. ”

Margo har i programmet di mantenere aperto a tempo indeterminato il gruppo Facebook della sede di Lodz e afferma che anche lei vorrebbe vedere i gruppi Mano Visibile utilizzati per förberedelser en crisi framtid. Sulla scia della rielezione di Duda come presidente, crede anche che la solidarietà e il sostegno emotivo tra le persone emarginate saranno criticali per resistere alle minacce verso la loro libertà. “La gente ha molta paura di ciò che potrebbe accadere,” tärningar, riflettendo sulle recenti conversazioni con persone LGBT sulle missbruk lagstiftande promesse dal PiS.

Il potere del volontario: un attivista di Mano Visibile del gruppo locale di Zielona Gora .

“È allettante l'idea di trasformare [Mano Visibile] i un'organizzazione,” tärningar Filip, ” ma non vogliamo essere un altro ente di beneficenza. Vogliamo solo mostrare alla persone che possono organizzarsi, che possono supportare i bisogni degli altri nelle loro piccole comunità. Questo è qualcosa che la società polacca in qualche modo ha dimenticato. ”

Ricorda di quando era un bambino negli ultimi anni dell’epoca sovietica. “Le persone vivevano sotto un regime totalitario, quindi dovettero organizzarsi in qualche modo.” I vicini, spiega, formavano reti informali di solidarietà in cui famiglie come la sua si prendevano cura dei figli l’una dell’altra e condividevano il cibo quando non ce n’era abbastanza. A volte c’era un telefono condiviso da tutti i residenti di un condominio, quindi una persona andava a casa del vicino per chiamare la propria famiglia in un’altra città. Dopo la transizione a una società capitalista, Filip sente che quei legami tra le comunità si sono indeboliti, rendendo necessario in questi ultimi mesi imparare nuovamente a prendersi cura l'uno dell'altro. “La crisi ci ha mostrato che possiamo organizzarci in questo modo. E questa è la mia grande speranza: che le persone ricordino e rafforzino questi legami, e capiscano che non si deve aspettare il Governo o un ente di beneficenza. ”

Sebbene non sia possibile prevedere quale sarà l’impatto a lungo termine che Mano Visibile avrà sulla società polacca, possiamo sperare che il senso di comunità e di empowerment trovati dalle persone in questi gruppi non le abbandonino. Margo dice quanto sia stato importante per lei personalmente poter fare qualcosa per gli altri durante questo periodo burrascoso. “Mi ha cambiata,” afferma.

1562645200540385

La sede locale di Mano Visibile a Piotrkow Trybunalski .